Pianificare e programmare

Scritto da Fulvio Massini il . Postato in Articoli Allenamento

Settembre è l’inizio della stagione agonistica ed è giusto fare alcune riflessioni su quali e quanti sono gli obiettivi che si intende prefissarci per l’anno a venire.
Il podista amatore deve avere come obiettivo principale il divertimento, ma per raggiungere questo sacrosanto obiettivo per niente banale, deve allenarsi in modo razionale e soprattutto gareggiare in modo adeguato alle sue caratteristiche psicofisiche.


Senza alcun bisogno di diventare fanatici della programmazione, vorrei dare alcune indicazione su come impostare l’intera stagione in vista dei vari obiettivi.
Pianificare può sembrare una parola ad uso e consumo di supermanager, invece è importante anche per chi si trova alle prime armi nel mondo della corsa o chi corre da anni ma con il solo scopo di trascorrere qualche ora in compagnia degli amici.

Per prima cosa è necessario porsi degli obiettivi a lunga, media e breve scadenza; quindi iniziare ad allenarsi per raggiungerli. Ad esempio possiamo stabilire come obiettivo a lunga scadenza una maratona da fare tra 12 mesi, una mezza maratona da fare tra 6/7 mesi ed una gara breve (10km/14km) fare entro i primi 3 mesi.
Quanto scritto fino ad ora vale per podisti amatori, atleti di alto livello possono avere come obiettivo a lunga scadenza la partecipazione ai Campionati Mondiali o alle Olimpiadi e devono pianificare attentamente e precisamente gli appuntamenti per avvicinarsi al meglio a questi eventi fondamentali per la loro carriera.
E’ necessario individuare una serie di gare/test da inserire in calendario, che funzioneranno come tappe di avvicinamento verso gli obiettivi principali.
Una volta pianificati gli obiettivi dovete iniziare a programmare l’allenamento, questo richiede una valutazione dello stato di forma che potete eseguire in un centro specializzato, con test adeguati.

La programmazione dell’allenamento dei podisti amatori non è schematica come quella degli atleti di alto livello; loro sanno che devono raggiungere il massimo della performance in estate quindi durante l’autunno e l’inverno fanno allenamenti di costruzione per poi passare verso la primavera a fare allenamenti sempre più qualificati che li portano a raggiungere lo stato di forma ovvero di condizione psico-fisica ottimale a maggio/giugno.
L’amatore deve regolarsi in relazione al suo impegno più importante dell’ anno, se l’obiettivo è la maratona di Roma a Marzo, la preparazione è diversa rispetto all’amico che ha deciso di correre la Firenze Marathon a Novembre. Durante l’inverno quindi gli allenamenti sono programmati e diversificati in base agli obiettivi pianificati.

Per una maratona da correre nell’immediato inizio inverno o fine autunno, può essere molto utile partecipare alle divertenti gare di corsa campestre perché sono un ottimo sistema per sviluppare forza nelle gambe, forza del cuore e sensibilità propriocettiva, per correre invece una maratona in primavera sarà maglio optare per “aggiungere km nelle gambe”.
Se volete essere al top della forma a primavera inoltrata o in estate ora potete fare potenziamento in palestra o allenamento funzionale che ritengo essere di indubbia utilità per lo sviluppo della forza generale.
Se volete essere in forma fra qualche mese, ora è il momento di allenarsi a creare i presupposti per essere più resistente, a correre velocemente per tanto tempo. Sono quindi consigliati i lavori di forza oltre ad allenamenti di resistenza generale (corsa lenta) e specifica (medio e progressivo).

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

TRAINING RUNNING: PROGRAMMA COMPLETO DI VALUTAZIONE E ALLENAMENTO PERSONALIZZATO PER LA CORSA

Training Running è il programma completo che parte da una attenta valutazione delle caratteristiche individuali attraverso test specifici e arriva alla programmazione dell'allenamento più adatto ai vostri obiettivi Leggi le informazioni sul programma di allenamento per la corsa