Posts Tagged ‘fulvio massini consulenti sportivi’

Allenare la Mezza Maratona

Scritto da Fulvio Massini il . Postato in Articoli Allenamento, News || News dal sito

Allenare la mezza maratona

I 21,097 metri sono una distanza di gara davvero eccezionale, adatta a tutti. Allenare la mezza maratona non è difficile e risulta sempre stimolante.

Le mezze maratone sono utilissime per determinare la velocità da tenere in maratona e per testare la condizione in vista della gara sulla doppia distanza. Tuttavia sono sempre più i podisti che decidono di specializzarsi solo sui 21K.

Pacemaker Maratona del Mugello 2016

Scritto da Silvia Stradelli il . Postato in News || News dal sito

maratona-mugello

Ecco la lista degli assistenti di gara che vi aiuteranno a concludere la vostra Mugello Marathon sabato 17 Settembre e vi condurranno puntualmente al traguardo dopo 42,195 km.

Ecco i nomi dei pacemaker e tempi.

 NOMI DEGLI ASSISTENTI DI GARA 
TEMPO FINALE ASSISTENTI DI GARA COLORE DEL PALLONCINO
3:30 H  Boni Sandro, Capristo Natalino, Gentile Nicola CELESTE
3:45 H Piccione Franco, Tirelli Giuseppe ARANCIONE
4:00 H Abbiati Davide, Di Iorio Pietro Ruggero, Vecchia Luca ROSA
4:15 H Benvenuti Elisa, Cozzi Domenico, Vivace Alessandro BIANCO
4:30 H  Grossi Giovanni, Lo Bianco Carmine, Scarpa Franco BLU
5:00 H  Belli Antonella, Boffolino Debora, Cocciolo Federico VIOLA

Diminuire i rischi di infortunio al tendine di Achille

Scritto da Fulvio Massini il . Postato in Articoli Allenamento

Il tendine d’Achille è senza dubbio una delle parti dove noi runners tendiamo ad infortunarsi più frequentemente. Quasi sempre il problema inizia con un fastidio che piano piano diventa un dolore sempre più forte. Le cause che possono creare dolore al tendine d’Achille possono essere: eccesso di pronazione, piede cavo, piede varo, tecnica di corsa non corretta, deficit di forza del muscolo soleo e comunque dei muscoli del polpaccio, deficit di forza dei muscoli glutei e delle muscolatura degli arti inferiori in generale, mancanza di flessibilità dei muscoli della catena posteriore, rigidità della colonna vertebrale, difficolta a stare in  equilibrio su un solo piede, calzatura errata, allenamenti eccessivamente  lunghi, o intensi o entrambe le cause, ortesi plantari non adatte o consumate.

L’avvento delle “sneaker”

Scritto da Silvia Stradelli il . Postato in News || News dal sito

asics-gel-nimbus-mania-running-corsa-scarpe_1Nei secoli successivi non sono stati fatti molti passi avanti. Nel XVI secolo St. Feutre, monaco francese, inventò il feltro, mistura di pelo e lana utilizzata come sottopiede per assistere i viandanti sulle lunghe strade. Sempre in questo secolo nelle monarchie europee si assisteva a spettacoli di danzatori e giocolieri calzanti scarpe leggere e fascianti, le “Pump”. Queste si evolveranno con l’applicazione di una suola di gomma calandrata; in questo modo in Inghilterra nasce la prima scarpa sportiva. Ma l’invenzione più sensazionale è ad opera di Charles Goodyear, il quale, nel 1839, scopre il processo di vulcanizzazione della gomma. Così intorno al 1850 fu prodotta in Inghilterra la cosiddetta “Plimsoll”, prima scarpa vulcanizzata con tomaia in tela e suola piatta. Sarà utilizzata dapprima per il croquet e in seguito anche per il tennis e si diffonderà a macchia d’olio nell’arco di un secolo, invadendo gli Stati Uniti con il nomignolo di “Sneaker”. Le scarpe sportive ebbero la loro prima grossa diffusione in concomitanza con le Olimpiadi di Atene del 1896 e furono le Olimpiadi delle edizioni successive ed i mondiali di calcio il vero trampolino di lancio di gran parte delle scarpe sportive.
Maddalena Cianferoni